Newsmercoledì 15 marzo 2017 12:43

Genova, 'ndrangheta: videolottery per riciclare (filmato)

Gli ulteriori accertamenti sulle proiezioni e gli interessi economici della ‘ndrina RODA’-CASILE nella provincia di Genova hanno consentito di individuare nuovi investimenti, sia immobiliari che in attività economiche, nel settore delle videolottery

La Polizia di Sato, dalle prime ore della mattinata odierna, nella provincia di Genova, sta svolgendo una vasta operazione condotta dalla Squadra Mobile di Genova e dal Servizio Centrale Operativo con arresti e perquisizioni a carico di soggetti indagati per associazione per delinquere di stampo mafioso, ritenuti appartenenti alla ‘ndrangheta calabrese ma da anni residenti in Liguria, attivi nei reati di usura, estorsione, esercizio abusiva attività finanziaria e traffico di stupefacenti, oltre che nel riciclaggio di denaro di provenienza illecita con la conseguente intestazione fittizia di beni e società. Nel corso delle indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Genova, a giugno 2016 erano già state tratte in arresto otto persone – tra cui l’allora Sindaco di Lavagna - ed eseguite misure cautelari a carico di altre tre persone, oltre all’esecuzione di sequestrati di beni immobili e società per decine di milioni di euro. A seguito di quegli arresti venne nominata la Commissione d’accesso presso il Comune di Lavagna volta a verificare le infiltrazioni della criminalità organizzata in quell’Ente territoriale tutt’oggi commissariato.

Gli ulteriori accertamenti sulle proiezioni e gli interessi economici della ‘ndrina RODA’-CASILE nella provincia di Genova hanno consentito di individuare nuovi investimenti, sia immobiliari che in attività economiche nel settore delle videolottery realizzati da l’uomo di fiducia del capo della struttura territoriale di ‘ndrangheta denominata “Locale di Lavagna”.

Sono state eseguite quattro misure cautelari in carcere oltre a provvedimenti di sequestro ai fini di confisca di un prestigioso appartamento sito nella Baia del Silenzio di Sestri Levante (GE), quote societarie, un’automobile di grossa cilindrata e numerosi depositi bancari ritenuti provento dell’attività illecita.

 

Ninin

Ti potrebbero interessare anche: