Newssabato 18 marzo 2017 09:37

Pensioni, Cgil: «14 mila anziani genovesi non sanno di avere diritto a soldi e bonus»

Vivono con meno di 750 euro al mese, avrebbero diritto a integrazioni, aumenti, entrate una tantum. Ma molti di loro non lo sanno

Su 48 mila pensionati genovesi, 118 mila in Liguria, almeno un terzo non ne sarebbe a conoscenza secondo le stime di Spi Cgil. Come dire che solo a Genova più di 14.000 anziani (40 mila in Liguria) lasciano alle casse dell’Inps ogni anno centinaia di euro: per evitarlo, devono solo sfidare la burocrazia e - in molti casi - avranno anche agli arretrati.

La campagna sui “diritti inespressi” organizzata dal Sindacato Pensionati Cgil in collaborazione col patronato Inca ha già aiutato 2.563 pensionati genovesi sino a 750 euro mensili che, pur avendone diritto, non percepiscono assegni a sostegno del nucleo familiare (ma riguardano anche singoli e nonni con nipoti a carico), voci di “maggiorazione della pensione”, la quattordicesima o sussidi di invalidità.

«Il problema è che i diritti previdenziali di tante persone non sono riconosciuti automaticamente dall’Inps ma occorre farne richiesta - dice Paola Repetto, responsabile Spi - e oggi che i cedolini della pensione non arrivano nemmeno a casa, ma si devono scaricare da internet, è ancora più difficile per gli interessati rendersi conto che stanno rinunciando a centinaia di euro che sarebbero vitali per i loro conti».

ilsecoloxix.it

Ti potrebbero interessare anche: