Inchiestedomenica 09 aprile 2017 09:19

“Bce? Finanzia petrolio, autostrade e gioco d’azzardo”

La denuncia dell'osservatorio di Corporate Europe ha creato non poche fibrillazioni a Bruxelles: la Banca Centrale Europea avrebbe nella sua lista di beneficiari una serie di attività non illegali ma quantomeno discutibili sotto il profilo dell’opportunità, dai soldi a Volkswagen in pieno Dieselgate ai finanziamenti alle società operanti nel settore dei carburanti fossili

Il Corporate Europe Observatory è un'organizzazione non-profit che si occupa di raccogliere e documentare le azioni e gli eventuali effetti del lobbying aziendale (cioè da parte di società nazionali o multinazionali) sui processi decisionali all'interno dei principali organi dell'Unione europea, la Commissione e il Parlamento europeo. Ha sede ad Amsterdam e Bruxelles.

I risultati della ricerca del CEO sul programma di quantitative easing della Bce pubblicati su Affari Italiani: 

"Multinazionali del petrolio, champagne, auto fuori serie, gioco d'azzardo. E' questa la lista dei beneficiari del programma di quantitative easing della Banca Centrale Europea (Bce), secondo l'osservatorio di Corporate Europe, che lo mette nero su bianco in una denuncia che ha fatto sobbalzare sulle sedie in molti a Bruxelles e dintorni.

NON SOLO BANCHE, MA ANCHE "FINANZIAMENTI PER LA CRESCITA"

Secondo l'osservatorio di Corporate Europe, la Bce avrebbe nella sua lista di beneficiari una serie di attività non illegali ma quantomeno discutibili sotto il profilo dell'opportunità. Da un anno circa, la Bce ha deciso di allargare li proprio spettro d'azione attivando un nuovo programma per sostenere l'economia e la crescita dei paesi Ue. Niente più solo banche, dunque, ma finanziamenti anche per altre attività e settori.

LE RIVELAZIONI DEL CORPORATE EUROPE OBSERVATORY

Nel giugno 2016 la Bce ha iniziato a comprare obbligazioni di diverse società in giro per l'Europa. Il nome delle società è rimasto segreto ma ora il Corporate Europe Observatory li ha rivelati, sottolineando alcune scelte discutibili dell'istituzione europea. 

FINANZIAMENTI ALLE AUTOMOBILI. SOLDI A VOLKSWAGEN DURANTE IL DIESELGATE

Secondo l'osservatorio, la Bce offre sostegno finanziario a diverse imprese e multinazionali del gas e del petrolio, andando contro i principi della lotta ai cambiamenti climatici. Tra i beneficiari, secondo l'osservatorio ci sarebbero Shell, Repsol, Volkswagen, Bmw e Renault. In particolare colpisce l'acquisto di titoli da parte della Bce di Volkswagen, proprio mentre la grande multinazionale tedesca veniva colpita dallo scandalo Dieselgate.

INFRASTRUTTURE E AUTOSTRADE. E IL CAMBIAMENTO CLIMATICO?

Nella lista del Corporate Europe Observatory appaiono tantissimi investimenti in infrastrutture: a farla da padrone sono le autostrade, le ferrovie e gli aeroporti. Ma sono tante le società beneficiarie operanti nel settore di carburanti fossili. Insomma, sembra proprio che la Bce finanzi a piene mani il cambiamento climatico, secondo quanto sostiene l'osservatorio.

SCARSA ATTENZIONE ALLE ENERGIE ALTERNATIVE

L'attenzione alle energie alternative sarebbe infatti limitata al progetto di produzione di turbine a vento di Siemens e al nucleare. Investimenti invece sarebbero stati compiuti su Thales, produttore di missili, fucili, veicoli corazzati e droni militari.

INVESTIMENTI NEL GIOCO D'AZZARDO, CHAMPAGNE E BENI DI LUSSO

La Bce, sempre secondo l'osservatorio, avrebbe investito anche in una compagnia operante nel gioco d'azzardo, vale a dire l'austriaca Novomatic. Attenzione anche allo champagne di LVMH, al cognac di Hennessy e ai beni di lusso di Louis Vuitton. Insomma, il rapporto del Corporate Europe Observatory non mette in luce pratiche illegali ma fa sorgere spontanea una domanda: il programma di investimenti della Bce sta davvero aiutando l'Europa e le sue imprese a uscire dalla crisi?"

affaritaliani.it

Ti potrebbero interessare anche: