Newsvenerdì 21 aprile 2017 08:23

“Basta con questo gioco alla guerra”. Solidarietà e vicinanza a Gabriele del Grande

Manifestazione oggi a Savona. Appello congiunto di Anpi, Arci, Acli, Cgil, Cisl, Uil, Fondazione Diocesana ComunitàServizi

Questo è un appello urgente per la pace. Un appello alla civiltà suprema del dialogo, della sua umanità, della sua intelligenza. Leggiamo e apprendiamo di bombe, di grandi eventi nucleari, di raid preventivi. Un irresponsabile e impressionante gioco alla guerra che deve essere subito fermato. Chiediamo con forza alle Istituzioni internazionali, ai Governi del mondo che si metta a tacere l’assurdo di queste intenzioni che porterebbero a effetti disastrosi e di morte già tragicamente vissuti. Facciamo appello alle cittadine e ai cittadini affinché si mobilitino per diffondere il più possibile voci e iniziative di pace, anche in nome della nostra Costituzione che sempre ci ricorda che “l’Italia ripudia la guerra”.

Carlo Smuraglia – Presidente Nazionale ANPI,  Francesca Chiavacci – Presidente Nazionale ARCI,  Susanna Camusso – Segretario generale CGIL, Annamaria Furlan – Segretario generale CISL, Carmelo Barbagallo – Segretario generale UIL, Roberto Rossini – Presidente Nazionale ACLI. 

ANPI, ARCI, ACLI, CGIL, CISL, UIL savonesi, nell’aderire all’appello delle proprie organizzazioni nazionali, assieme alla Fondazione Diocesana Comunità Servizi invitano la popolazione e tutte le Associazioni, Organizzazioni, Movimenti e Partiti, ad incontrarsi presso il Monumento ai Caduti in Piazza Mameli,

VENERDI’  21  APRILE  alle ore 17:30 

per manifestare la volontà di PACE  di tutti i popoli e per manifestare la solidarietà

e la vicinanza di tutta Savona a Gabriele Del Grande.

Gabriele Del Grande, giornalista, documentarista, regista del film “Io sto con la sposa”, fondatore dell’osservatorio sulle vittime dell’immigrazione Fortress Europe, è trattenuto da 10 giorni in un centro di detenzione amministrativa in Turchia. Del Grande è stato fermato nella provincia di Hatay, al confine con la Siria, zona in cui - secondo le autorità turche - non è consentito l’accesso.  Il reporter si trovava lì per raccogliere materiale per realizzare un nuovo libro, una raccolta di testimonianze di profughi siriani per ricostruire, attraverso il loro racconto, la guerra in Siria e la nascita dell’Isis. E’ trattenuto in carcere in un Paese in cui è in corso una forte stretta repressiva a scapito del rispetto dei diritti umani. Solo ieri gli è stato concesso di telefonare alla sua compagna, a cui ha annunciato l’inizio di uno sciopero della fame perché gli siano garantiti il più elementari diritti: dalla formalizzazione dell’accusa per cui viene trattenuto, alla nomina di un avvocato, alla possibilità di comunicare con l’esterno.

Pertanto, chiediamo il massimo impegno delle nostre rappresentanze diplomatiche in Turchia ed un intervento urgente del Ministro degli Esteri perché Del Grande venga immediatamente rilasciato e rimpatriato e che gli siano garantiti i diritti minimi quali: colloquio con un avvocato, incontro con autorità consolare, possibilità di telefonare, ragione del fermo, chiarimento del tempo del fermo/data dell’espulsione. #IOSTOCONGABRIELE 

L’Italia, a mio avviso, deve essere nel mondo portatrice di pace: si svuotino gli arsenali di guerra, sorgente di morte, 

si colmino i granai di vita per milioni di creature

umane che lottano contro la fame. Il nostro popolo generoso si è sempre sentito fratello a tutti i popoli della terra.

Questa la strada, la strada della pace che noi dobbiamo seguire.                       

Giuramento e messaggio del Presidente Sandro Pertini, Roma, 9 luglio 1978

com

Ti potrebbero interessare anche: