Contromanovenerdì 14 luglio 2017 09:04

Il popolo non ha pane? Dategli Cornetto

Distruggono una baia per costruire una piattaforma a trenta chilometri dal VTE, muovono fondali inquinatissimi, interrano un porto e in cambio ci offrono quattro pacchi di pasta, tonno in scatola, due computer e una linea telefonica, così chi non ha un lavoro può navigare su internet per cercarlo

Mr Cornetto, il managing director di Apm Terminals, ha fieramente annunciato ieri il respingimento da parte del TAR ligure del ricorso di Italia Nostra sull'ecomostro Maersk.

E non l'ha fatto in un momento a caso, ma proprio prima della firma della convenzione con il Comune di Vado per un “negozio solidale” finanziato da APM e destinato alle fasce più deboli. «Avremmo firmato la convenzione comunque, ma la notizia del rigetto del ricorso che ho avuto dai nostri legali poco fa mi infonde un certo sollievo», ha dichiarato.

A noi invece, come a tutti quelli che l'ecomostro lo hanno sempre combattuto, il rigetto provoca solo amarezza: ma le dichiarazioni del Cornetto, prontamente riprese da titoloni roboanti su APM che “combatte la povertà a Vado” con 33mila euro dopo aver ricevuto un regalo da 450 milioni di euro pubblici, son da attacco di bile.

Distruggono una baia per costruire una piattaforma a trenta chilometri dal VTE, muovono fondali inquinatissimi, interrano un porto e in cambio ci offrono quattro pacchi di pasta, tonno in scatola, due computer e una linea telefonica, così chi non ha un lavoro può navigare su internet per cercarlo.


Ninin

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie di NININ

lunedì 25 settembre
sabato 23 settembre
giovedì 21 settembre
lunedì 18 settembre
sabato 16 settembre
venerdì 15 settembre
martedì 12 settembre
venerdì 08 settembre
martedì 05 settembre
venerdì 01 settembre