Newsvenerdì 17 novembre 2017 16:21

Denaro e santità metà della metà

Bombardier: la commessa c'è, ma probabilmente non tutte le locomotive verranno prodotte in quel di Vado Ligure. Nel frattempo i lavoratori di Piaggio oggi scioperano a Genova, mentre a Savona il Prefetto tenta di rassicurare sulla futura ricapitalizzazione dell'azienda. Faticacce in vista, per la politica locale...

La maxi commessa da circa 400 milioni di Euro, che è stata confermata nei giorni scorsi e che la sede vadese di Bombardier aspettava come una boccata d'ossigeno dopo prolungata apnea, prevede la fornitura di 60 locomotive monotensione per linee a 3000 V in corrente continua, destinate al servizio di Mercitalia Rail sulla rete ferroviaria italiana, e di 65 locomotive politensione in corrente continua e alternata, destinate a TX Logistic per i servizi oltreconfine.

Il contratto prevede anche la manutenzione delle 125 locomotive per un periodo di 8 anni.

Il sito Ferrovie.it ritiene “presumibile” che la produzione delle 60 locomotive monotensione (quelle per Mercitalia) avverrà nello stabilimento di Vado Ligure, mentre le 65 multisistema dovrebbero essere prodotte nello stabilimento di Kassel, in Germania, dove la piattaforma TRAXX è nata. (http://www.ferrovie.it/portale/articoli/6840)

Nel frattempo, a stare col fiato ancor più sospeso sono i lavoratori Piaggio, dopo che le voci dei giorni scorsi davano l'azienda vicina a portare i libri in tribunale.

Stamattina a Savona il Prefetto Manari ha ricevuto una delegazione sindacale, assicurando a quanto pare che si sta lavorando per una ricapitalizzazione.

Evitare il venefico spezzatino, in ogni caso, sembra sempre più difficile.


Ninin

Ti potrebbero interessare anche: