Newslunedì 20 novembre 2017 17:34

La lettura può creare indipendenza (in gruppo)

L'incontro di martedì 21 novembre alle 18 alla Ubik

Da circa due anni sì è costituito il gruppo di lettura “Leggere in Cerchio”, nato dall'incontro di una decina di “lettori” che hanno apprezzato la trasformazione da lettori solitari a lettori sociali, da lettori silenziosi a lettori che ascoltano la parola letta ad alta voce e leggono per gli altri ad alta voce. I Lettori hanno così imparato  a godere di questa particolare forma di lettura che condivide nel gruppo il suono della voce anche diversa dalla propria, uno spazio, un'emozione.

Nel gruppo la concentrazione è variata e mossa dal testo. Si ascolta in silenzio e poi a volte diventa urgente uno scambio verbale ed intellettuale vivo. E non è affatto male! Più passa il tempo e più questo appuntamento ci piace, non ci stanca, anzi ci arricchisce nelle nostre profonde diversità. Per questo riconoscendo la valenza tutt'altro che privatistica vogliamo proporlo al fuori di noi, sollecitare un allargamento a più e ancora più diverse persone.

Le straordinarie valenze di questa attività escono dai limiti di una pura e semplice esperienza culturale presentando fitte ricadute socio-educative e … politiche.

"Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria! Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… perché la lettura è una immortalità all’indietro" (Umberto Eco)

"I libri sono riserve di grano da ammassare per l’inverno dello spirito."  (Marguerite Yourcenar)

com

Ti potrebbero interessare anche: