Newsmartedì 05 dicembre 2017 15:40

Il vero voto utile

A un anno dalla celebrazione del referendum che ha consentito di mantenere integra la nostra Carta Costituzionale, le parole di Pietro Grasso e Nicola Fratoianni

La delegazione ligure di Sinistra Italiana con le federazioni di Genova, La Spezia, Imperia e Savona, ha partecipato numerosa all’Assemblea popolare del 3 dicembre a Roma.

Il nostro progetto è più grande di come lo hanno raccontato e se ne accorgeranno presto. L’unico voto utile è quello che costruisce la rappresentanza democratica, le idee, i valori, i programmi e le speranze portando in parlamento i bisogno e le richieste di quella metà di Italia che non vota. Quello è il voto utile”.

"Fare politica è un onore, non una vergogna. C'è in gioco il futuro dell'Italia e questa è la nostra sfida: battersi perché tutti, nessuno escluso siano liberi e uguali, liberi e uguali". Lo dice il presidente del Senato Pietro Grasso, chiudendo l'assemblea unitaria della sinistra, citando per la prima volta il nome del nuovo soggetto: "liberi e uguali".

Queste le incisive parole di Pietro Grasso dal palco dell’assemblea nazionale di Sinistra Italiana, Mdp, e Possibile che si è tenuta ieri all’Atlantico Live a Roma, in un clima che definire entusiasmante sarebbe riduttivo.

Agli interventi di testimonianza, dall’operaia della Melegatti alla presidente dell’ARCI, passando per la precaria del CNR a quello di Legambiente, di Banca Etica, e così via per concludere con il medico di Lampedusa Pietro Bartolo (che ha riportato l’attenzione su quel “40% di sbarchi in meno”, di cui il governo è così soddisfatto, raccontando di ragazzi scuoiati scappati dalla Libia in condizioni terribili), si sono alternati a quelli dei tre leader di Possibile, Sinistra italiana ed Mdp.

Il segretario di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni, ha iniziato citando il caso della bandiera neonaziosta esposta a una finestra di una caserma dei carabinieri a Firenze.

"La destra - ha affermato - si è lanciata nella costruzione di una rivoluzione liberista, dei Reagan, della Thatcher e oggi dei Trump. Ma hanno concimato il terreno su cui oggi crescono i fascisti….. Che nell'ufficio di un Carabiniere venga appesa la bandiera nazista, ci dice di quanto dobbiamo alzare l'attenzione". 

"Ringrazio la Cgil - ha detto in un altro passaggio - che ieri è scesa in piazza per difendere le persone e il loro diritto ad avere una pensione che in Italia sono un problema, soprattutto per i giovani, umiliati due volte".

Ed ancora: "La questione giovanile - aggiunge - è la vera emergenza di questo Paese.”

La radicalità di cui abbiamo bisogno non è affare della cosa rossa o di questa o di quella personalità”.

La sinistra che Fratoianni propone di costruire deve tornare ad esercitare “il senso di responsabilità” verso le vite delle persone, ha detto con una critica retrospettiva a chi ha pensato che “bisognasse cedere” sui valori tradizionali della sinistra e del lavoro.

Citando la lavoratrice dell’Ikea licenziata, ha proposto una “sfida all’ipocrisia” di chi si pubblicizza dicendo di voler costruire un mondo migliore e poi colpisce i più deboli.

Il segretario ha anche sottolineato il grave problema sanitario: “In Italia avevamo il miglior sistema sanitario del mondo, ed ora ci sono quasi undici milioni di persone che rinunciano alle cure: la sinistra deve tornare ad alzare la bandiera di un welfare universalistico che non lasci indietro nessuno”.

Durante la crisi, non è vero che tutti l’hanno pagata allo stesso modo: la grande maggioranza della popolazione ha perso diritti ma una piccola minoranza ha accumulato ricchezze e privilegio, tornano forme di lavoro povero, lavoro servile e schiavile, anche qui nel mondo sviluppato”.

In una data significativa com’è quella odierna (ad un anno esatto dalla celebrazione del referendum che ha consentito di mantenere integra la nostra Carta Costituzionale) in tutti i territori da oggi parte una grande strada e Sinistra Italina nella nostra regione intende iniziare al più presto, coinvolgendo ogni persona che abbia voglia di provare a spostare l’attenzione sulla persona, nella centralità dei problemi del lavoro, della scuola, della sanità, del welfare per una nuova proposta.

Il Coordinatore regionale Carla Nattero

com

Ti potrebbero interessare anche: