Mezza politicavenerdì 06 luglio 2018 11:20

Rimpasto caldo

L'eterno rimpasto-Caprioglio è stato tirato fuori per l'ennesima volta dopo la rissa in cui si è tramutata la presentazione di Leed for cities - non a caso, unico evento pubblico alla presenza del Sindaco che non ha avuto neppure una menzione sulla pagina facebook della prima cittadina. Un diversivo? Ma nooo. Fatto sta che stavolta si sono arrabbiati davvero tutti

Pur consapevoli che ai cittadini, come anche a noi, interessino poco se non nulla le beghe politiche, le poltrone e gli incarichi, riportiamo qualche sprazzo della giornata politica savonese, che fa presagire che qualcosa in città cambierà davvero.

Se in meglio, non si sa.

Il vicesindaco e assessore all'urbanistica Arecco, che dal 2016 ingoia rospi grandi come container, si ricorda di esser eletto col partito che è oggi al governo e vola nei sondaggi, e scrive una dura lettera aperta alla Caprioglio dove spiega che è stanco di legger sui giornali l'insoddisfazione del Sindaco per il suo lavoro.

Poi è la volta di Pietro Santi, mister preferenze con assessorato all'ambiente che inferocito attacca, a quanto pare, il gran visir Montaldo, “neanche eletto”, e dichiara che, se gli assessori di Forza Italia dan tanto fastidio, sono pronti ad andarsene a casa, ma minaccia “ci rivedremo alle prossime elezioni”.

La lista civica dal canto suo è avvelenata da rancori di lunga data per non aver nessuno dei suoi in giunta, e non si preoccupa di nasconderlo.

La politica, i democristiani lo sanno bene, è un'arte che non s'improvvisa.

E proprio sull'improvvisazione sembrano essersi basati questi primi due anni di governo cittadino.

Ora arriva il conto.

Da tempo pensiamo che il PD abbia le sue ragioni per pensare che si voterà presto: altrimenti non si spiega la traumatica defenestrazione della Battaglia da capogruppo in Consiglio, né l'improvvisa aggressività di un'opposizione che opposizione, in due anni, ne ha fatta proprio poca.

Quel che il PD non ha pensato è che due anni son troppo brevi per dimenticare il ventennio Ruggeri-Berruti.

L'unico fatto certo è che la giunta traballa.

Si rischia il voto nel 2019?

Speriamo.

lanuovasavona.it

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie di NININ

lunedì 16 luglio
venerdì 13 luglio
giovedì 12 luglio
mercoledì 11 luglio
lunedì 09 luglio
(h. 07:56)
sabato 07 luglio
giovedì 05 luglio
lunedì 02 luglio
domenica 01 luglio
mercoledì 27 giugno