Contromano18 novembre 2015 12:46

Piscine Comunali: apnea tra i "bilanci"

Alle casse comunali le spese, ai gestori gli utili? Dopo le risposte dell’Assessore Martino i dubbi restano

Piscine Comunali: apnea tra i "bilanci"

Savona.  L’Assessore Martino, in occasione del recente Consiglio comunale ha fornito i propri dati, in risposta all’interpellanza presentata da numerosi consiglieri di maggioranza e minoranza. La lunga disamina è stata conclusa auspicando di avere definitivamente chiarito ognuno dei dubbi e della perplessità che da tempo vengono sollevate in merito alle piscine comunali.  Dopo avere riascoltato ...
...la registrazione della seduta ed avere esaminato la  documentazione fornita, riteniamo non conclusa la discussione della pratica.  Esponiamo di seguito le ragioni delle nostre perplessità. 

 
 In primo luogo, in merito alla domanda relativa all’orario di apertura al pubblico per la libera balneazione nella vecchia piscina di Piazzale Eroi dei due Mondi, l’Assessore afferma che l’attività agonistica occupa sempre meno del 50% delle ore d’acqua disponibili.  Riteniamo che tale  riferimento non sia sufficiente, in quanto viene da domandarsi se le altre attività svolte, quali quelle dei corsi a pagamento, siano comprese, o meno, nel computo fornito. La precisazione non è marginale, in quanto confermerebbe,  la validità iniziale posta con l’interpellanza, cioè se sussista la reale necessità di costruire il secondo lotto della piscina con denaro pubblico, in relazione al reale utilizzo pubblico della struttura.
 
In secondo luogo non è stato chiarito se, durante le ore destinate all’utilizzo pubblico, la totalità delle corsie siano, o meno, a totale disposizione per la libera balneazione, oppure se esse siano contemporaneamente parzialmente occupate per svolgere corsi a pagamento.  Anche se si verificasse tale circostanza, verrebbe ad essere confermata l’ipotesi che l’utilizzo pubblico dell’immobile sia subordinato all’impiego privatistico.
In terzo luogo l’Assessore non ha risposto, o fornito dati, in merito alla redditività ipotizzata nell’interpellanza, per la  vecchia piscina di Piazzale Eroi dei due Mondi, la quale renderebbe al Comune di Savona pochi euro giornalieri.   


Analogamente non sono state fornite risposte in merito alla circostanza per cui il ritorno economico per il Comune di Savona, generato annualmente da entrambe le piscine, sia pari a 20.000euro, a fronte di una spesa gestionale annua,sempre a carico dell’Amministrazione pubblica, pari a 480.000euro.  
 
Ed ancora:  circa la conoscenza dell’ammontare globale degli incassi annuali generati dalla globalità delle attività economiche svolte all’interno delle due piscina, l’Assessore ha fornito la cifra di 547.000 euro (per il 2014) relativa ad altre attività.  Detto valore dovrebbe essere quello comprovato dall’emissione di ricevute non fiscali, come, peraltro, la normativa vigente consentirebbe, ma in merito al quale si suggerisce all’Amministrazione comunale di individuare una modalità di verifica più puntuale e precisa, anche allo scopo di conoscere precisamente l’importo globale.


Tenuto conto del dato di cui sopra, fornito dall’Assessore Martino e fino  ad oggi mai reso pubblico, sorge spontanea la domanda sul perché il Comune di Savona debba erogare ogni anno, al gestore delle piscine, la somma di 480.000euro (giustificata dall’art. 30, comma 2 del D.lgs 163/2006), nonostante un introito così’ elevato generato dalle altre attività svolte (oltre alla libera balneazione ed alle manifestazioni) e a fronte di un ritorno economico per le casse comunali di circa 20.000euro complessivi.
 
Infine, non si comprende il motivo per cui, come dichiarato dall’Assessore Martino, sia stato eseguito un investimento di oltre 115.000 euro per sostituire la  caldaia a gasolio della vecchia piscina con una a gas, visto che, come dichiarato dal Sindaco Berruti e riportato dagli organi di stampa in data 05 Febbraio 2014 e 24 Giugno 2015, terminata la costruzione del secondo, previsto, lotto, la vecchia piscina dovrebbe essere successivamente demolita, con conseguente trasferimento di tutte le attività in essa svolte nel previsto, nuovo, impianto.


Non si ritiene logico ed economico procedere con una tale spesa, in previsione di una demolizione da attuarsi a breve distanza di tempo.
 
In conclusione: ”Ci rivolgiamo direttamente ai cittadini savonesi, chiedendo Loro se tutto ciò abbia, o meno, una logica economica. L’attenzione con la quale verrà ulteriormente approfondita la tematica della gestione delle piscine comunali da parte dell’amministrazione comunale  è solamente all’inizio ! ”
                                                                                                              
Massimo Arecco Consigliere comunale Lega Nord
 
Sergio Acquilino  Consigliere comunale di SEL
 
Giampiero Aschiero Consigliere comunale A.P.I.
Alessandro Parino   Consigliere FdI

Luigi Bussalai   Consigliere Area popolare

Fausto Benvenuto  Consigliere PdL

 Daniela Pongiglione Consigliere Noi per Savona

Arecco, Acquilino, Aschiero, Parino, Bussalai, Benvenuto, Pongiglione

Ti potrebbero interessare anche:

Le notizie di NININ